[cherry_row]

[cherry_col size_md=”12″]

 

‘A storia de Federico cor suo patimento
e de Claudietta cor suo ignoramento.

Una storia ed un idea di Federico Bason.

Testo:

^N’ucelletto^

di Federico Bason

——-

Questa è ‘a storia der mio amore

In amore io me sento strano

Er foco dentro, er core matto

Na smaniaccia de bacià

Lei ‘a sola, te o’ giuro,

lei cor sole, fa luce uguale.

E vabbè!

È l’amore che me prenne

È l’amore che me stenne

Bello, brutto, tragico, oppure buffo,

cor core sempre me ce azzuffo!

Stavorta nun ce so’ santi

è tutto ‘n macello de pianti,

è il caos dice educato l’inglese,

è n’ bordello traduce er romano borghese,

te o’ dico e o’ ridico

st’amore m’ha scuoiato,

er core mio de leone

da mò che m’ha accannato.

E’ r momento giusto che ve spiegherebbe tutto,

ma nun per gusto de insegnà,

pe’ na morale che a me medesimo deve potè parlà,

se voi conoscete er trucco pe riprennese a vita,

me riccomando

mannateme er messaggio,

vorrei riscoprì pur’io

‘na scorza de coraggio.

E’ ‘na donna che io amo,

no, nun faccio distinzione

oggi è tutto n’ minestrone

c’è chi glie piace er cane, er bingo, a partita,

A me invece è na femmina che me ‘ntriga.

Er problema inopportuno

È che ‘n ostacolo sussiste:

per lei nun esisto, ‘n so nessuno,

gneeente, che ne so,

n’oggetto na portrona,

no, nemmanco,

propio propio gli arimbarzo.

Che poi pe’ paradosso,

magari fossi ‘a sua portrona

perché ‘l suo ber culo

me starebbe bene bene addosso!

Dopo essersi seduta subbito direbbe:

«Ma che è sta cosa accuminata?

E’ na molla che è sartata?»

«Amòòò… ma quale molla,

Quella se chiama

Voglia de trombà… mmmmhh!»

Lassa perde, questa è censurata.

Ve dicevo der mio amore,

vallo a capì,

nun me se fila de striscio,

io che corerebbe se lei facesse ‘n fischio.

Me conosce poco, non è che nun me ama

So sicuro, l’amore mio ‘o brama.

Co’ la capoccia ner cielo ingarbuiato

Me so ridotto come ‘n disperato

A cantà da solo, finchè da sotto

‘n ucelletto s’è svegliato.

Nooo, nun capite male

È propio ‘n ucelletto con ‘e ali

S’è messo sur balcone, gretto co’ n occhio mezzo fesso, me squadrava.

Me ‘o so guardato,

a’la fine gli ho parlato.

Aò senti, ma che sei l’amico der campione?

«A Federìììì» me guardava «A Federìììììì» me cantava,

«Ma che stai a pensà ar pallone,

nun te paragonà a quegli artri

quello è r’ monno degli scartri,

ciò o sai, te c’emboccherai l’anno der mai!»

«M’anvedi sto pennuto! Aòòòò,

E che c’ho bisogno d’un ucello

Va via, bestia de sventura,

ma che voi?

Con quer becco nun me fai paura!»

Lui a brutto muso m’ha interotto:

«Tu con ‘e donne me sembri n bassotto

loro te guardeno dall’arto n basso,

e te ce vai sotto!

Ma nun fa r fesso, portale a letto!»

Me guardo l’ucelaccio e glie rinfaccio:

«’o vedi che nun c’hai capito n cazzo,

nun è er sesso che sto a sognà,

ma l’amore tra noi che deve da sboccià!»

«Ma sentilo» me ferma l’ucelletto

«che poeetaa, ma come te chiamino qui a Roma

er bugia o animella pia?

Senti, mo ce vado io a parlà co ‘a tua bella,

così magara riesco a datte er via, che ne dici?

Te dispiace ‘r fatto?»

«In fin dei conti,

provacce non costa nulla

Vabbè fringuello bello

Te do fiducia, se ce riesci

tanto de cappello!»

«Stai tranquillo, carmo e rilassato

le parlo dolce, le faccio du’ moine

le dedico li gorgheggi tutte ‘e matine»

«Ma magara! Allora vai, alato messaggero

sei er cupido dell’amore, sei a svorta

del mio onore, sei….»

«Seeee seee, l’ho capita. Ma come se chiama sta tua amica,

nun me vorrei sbaglià ne ‘a fatica!»

«Claudia, si chiama Claudia, la donna der mio diletto.

l’amore che me move, che me vola, lei che nun me vole…»

«E daje, che mo aricomincia,

quella me da buca se te sente!

Zitto! A rimani qui e nun me seguì!»

Dopo giorni de tormenti e patimenti,

me sento ne ‘e stringhe der destino

mezzo cretino e mezzo fantoccio

«Viè qua! Ma che sei de coccio?»

L’ucelletto così m’ha chiamato.

«Gnenteee, gnente da fa» me fa il pennuto,

«Ho cantato, me so sgolato

ma ‘a tu bella nun te vole incontrà»

«Ma come nun me vole,

ma sei annato a Porta pia,

dalla Claudia giusta,

‘a Claudietta che m’angustia?»

«Avoglia, che ce so stato,

pure er caffè m’ha preparato,

e non ‘o dico per piaggeria

ammappate quanto è bona,

piccola, bionda co’ na voce

che pare n’ canarino,

me a’ fatto drizzà a me

che so solo ‘n ucellino!»

«A cosoooo, nun me fa sbroccà!

Claudietta è mia, vedi de finilla!

nun ce devi da provà!»

«Daje che so tranquillo,

a parte tutto, ‘o sai che m’ha detto,

t’ha descritto come ‘n borioso,

‘n ometto,

un maiale pieno de malizia,

nun te vole, le fai stizza,

t’atteggi a fare ‘r grosso,

e a lei le stai sur gozzo».

«Noooo, noooo…

Ma allora nun me resta che patì!

È finita, è ‘a fine, basta, voglio morì.

A ucellè, spaccame er core co’ gli artigli

voglio soffrì, non damme più consigli

sta vita fracicona è meio se scompare,

ho deciso che nun me enteressa de campare

sto destino è na presa de fondelli,

che manco se merita l’anima dei ucelli!»

«Aspèèèèè, a suicidaaa,

se finisci ne ‘a tomba

a’ amore tuo

poi chi se o’ tromba?

Usa l’intelletto,

nun sta sempre a fa er fesso!

T’ho detto er vero perché l’ho sentito da Claudietta,

lei c’ha ragione, tu c’ hai n difetto.»

«Bho, forse, forse lei,

lei pensa che er mio amore sia ‘n po matto?»

«Noneeeee, te ‘o detto: le stai sur cazzo!»

«Allora, allora lei,

nun me ama perché me vede ‘n po esagerato?»

«Ma nooo, se te vede, te vole vede solo che carcerato»

«O Ucelletto bello ma le hai cantato

che er mio cuore s’è fermato, s’è bloccato duro come ‘n mulo?»

«Sineeee, e lei m’ha detto che te vole mannà ‘ncora più a fanculo!

Senti, senti a me,

che fino a qui so’ volato

Se tu ‘a vuoi conquistà,

‘a fatica devi prenne e l’orgoglio devi lascià

si certo, nun te vole vedè n faccia,

ma io conosco na traccia,

che ‘a passione luccica,

e ‘a donna te se appiccica».

«Mamma mia,

Mamma santa,

Mamma cara,

Damme subito ‘sta pozione

me so’ rotto de far coione!».

«E’ n’incantesimo perfetto»

sussurra l’ucelletto

«Dopo er fatto,

te trovi co’ no scatto

tra ‘e cosce de Claudietta,

ce fai l’amore de soppiatto».

«Se lei posso avere,

te consegno

l’anima all’istante,

chemme frega,

me muoro pure ‘n mutanne!»

«Aridanghete co sta morte,

ma pure a lei ‘e fai ‘a corte!

Guarda, basta poco,

devi solo da esse inerme»

L’ucelletto spiega, intanto me fa l’occhietto

«‘n verme…te devo trasformà ‘n verme».

«Cheeeeee?

Ma che hai perduto a brocca?

‘n verme?

Così conciato lei me crocchia!»

«Aspeeetta,

damme retta,

Claudietta nun ha forse detto

che sei borioso?

Se te fai vedè che strisci,

er core suo poi l’allisci»

«’o sai che c’hai raggione!

Ma come faccio a vedella,

se io sto qua, e lei sta là,

a voglia a striscià!»

«Nun c’è problema,

te c’accompagno,

io so sverto,

te prenno cor becco e

te porto da Claudietta,

dentro ‘a sua cameretta».

Ho guardato l’ucelletto

E commosso gli ho detto: «So pronto!»

Pensa quanto so’ stronzo,

glie faccio pure ‘n abbraccio.

Quello me tramuta ‘n verme

e me magna come ‘n seme,

me mastica come no straccio.

Che appetito!

Niente amore, niente Claudia, niente vita.

E’ tutto finito!

Hai capito er fattaccio?

A chi ha inventato l’amore,

te ‘o giuro, io l’ammazzo.

La storia tra me e Claudietta

si è conclusa.

Volevo prènneme l’amore

e so cascato ner tranello,

di quer fio de na mignotta de fringuello.

Scusate se volgare ma c’è ‘a morale:

Se ‘na femmina vuoi conquistare,

con l’uccello nun te mette a ragionare,

sennò lo capisce, non c’è nulla da fare

che te ‘a voi… sortanto scopare.

«A Claudiè,

l’urtima cosa, la voglio dì a te:

io però t’amo troppo, so sincero.

Dopo sta condanna der fringuello,

o sai che bello, se me regalassi ‘n pò de core!

Davero dopo tutto sto poema

nun te risurterebbe ‘a voglia de fa l’amore?

Io ce spero, e te faccio ‘a promessa

Se m’amassi, sta vita ‘nfame nun sarebbe più ‘a stessa».

 

 

 

 

N’ucelletto (n’amore romanesco)

Potrebbe anche interessarti