Moloch

Una processione interminabile, alimentata da media e tv, per chiedere una grazia. A chi?

 

Spendo un paio di righe su Moloch, film di Aleksandr Nikolayevic Sokurov, anno 1999. Uno scorcio sul Berghof, il nido d’aquila, sui torbidi personaggi che lo abitano.

Moloch (che sta a significare entità malefica) è un ritratto di Hitler, gli ultimi giorni, un requiem che non cede alla trappola dei clichè (il pericolo della banalizzazione, la riduzione del dramma) ma svela lembi taciuti (ignorati) sul reich dei “mille anni”.

E’ diverso dal più famoso “La Caduta”, in cui viene dipinto un furher divorato da turbe omicide. Va in scena la rabbia, l’isteria, al contempo rassicura lo spettatore. ”La caduta”  congeda il pubblico con un messaggio: ”Lo avete visto? Lo avete ascoltato? Hitler era pazzo”. Un immagine consolatoria, come può essere la divisione tra malattia e sanità, bene e male.

In Moloch domina l’irrazionale*. Tralasciando le ipotesi di psicosi, psicolabilità, eccetera, si mette in scena ciò che gli storici confermano.
Di cui non si ha mai voglia di parlare.
Alcuni lo definiscono “Enigma Hitler”: il sub-inconscio del dittatore, vagliato da medici, umanisti, filosofi, profilers non porta ad alcuna spiegazione; di come un pazzo (?) sia riuscito ad arrampicarsi sul tetto del mondo, per poi -nell’inerzia generale- scaraventarlo in un baratro.       

Moloch svela la benzina velenosa con cui Hitler si accendeva: l’avversione per il cristianesimo (che era pari al suo odio verso gli ebrei).
Una verità che si stenta a riconoscere, eppure ci sono prove che attestano l’autenticità.
Il sodalizio con l’occulto veniva prima del potere, fino a sfociare in paradossali ricerche: il sacro Graal, un dio chiamato Wotan, la lancia magica di Cristo.
Niente più del nazismo coniugava fanatismo e negromanzia. Con gli esiti disastrosi che conosciamo.
Il dialogo del prete e il furher (il video sotto il post), mi ha portato alla riflessione sul presente.

Quanto è simile l’atteggiamento di quel prete (“ma perché sono così stupido” dirà di sé, dopo non aver ottenuto la grazia) con l’affannarsi di alcuni cattolici, quelli che parlano di ponti, che appoggiano le ONG, che cercano Cristo in una moschea.  
Si fanno interlocutori (o peggio, garanti) di una Entità** che è in guerra contro loro stessi e contro di noi.

Eppure perseverano: vittime di un incantesimo? Non si accorgono della tenebra che li circonda? ***

Il dominio medio orientale**** è erede dello scatenamento che il diavolo ha promosso nel reich. Qualcuno dice: non resta che raccogliersi in preghiera. Già, ma all’epoca non è bastato. E’ insufficiente anche ora. Lo capiremo quando sarà troppo tardi.
Le vie per il Berghof (purtroppo) sono infinite e molto popolate.

 

Qui il video a cui fa riferimento l’articolo (estratto dal film “Moloch”) Tutti i diritti sono dei legittimi proprietari.

 

Nota*
Il film sviluppa diversi temi legati all’ideologia nazista; il fascismo (dal 40m:24s) è descritto come disattento al soprannaturale (simbologia terra-aria).
Per Hitler la magia era una via maestra, quindi si lamentava: “”Mussolini non capisce! Ha fatto piantare ovunque in Italia fitti boschi, così facendo riempirà la Germania di millepiedi!”, considerando l’alleato non all’altezza delle forze arcane in gioco.
“Millepiedi, millepiedi dappertutto…” ripeteva, temendo che quelle forze -non dominate- gli sarebbero ritorte contro.

Nota **
Chiamo “Entità” quella forma di pensiero negativo che si evolve in azione negativa: mi riferisco quindi allo IUS SOLI, alle ONG, all’immigrazione clandestina, alla sostituzione etnica, al terrorismo, al fondamentalismo religioso, all’ONU, all’ingerenza occidentale in medio oriente (Siria, Yemen, ecc), all’ISIS, alle forme di maligno contemporaneo, costruite sul potere, la menzogna, la corruzione. Visibili e invisibili.

Nota***
La divisione nella Chiesa non è tra chi si professa modernista e chi invece tradizionalista, questo è solo un gioco di potere.
La differenza è in chi si reca (metaforicamente) al Berghof, e chi invece ne scoraggia la visita.
E’ vero, come dice papa Francesco, che “Gesù si è fatto diavolo” (citaz.), ma “senza esagerare” aggiungerei io.
Riconoscere il Mistero in tutte le Sue forme è auspicabile, ma guai a provare a convertire il Male.  
Farsi megafono di un Islam in guerra contro tutto e tutti, è come perpetuare l’errore del prete nel film. O si è illusi o si è stupidi.

Nota****
Interessante quello che riporta l’Istituto di ricerca americano Pew Research: le cifre iperboliche fanno riferimento soltanto agli immigrati regolari. Aggiungendo anche i clandestini arriveremmo a 100 milioni di “eurabi”. Il Giornale ha riportato i risultati della ricerca qui.

 

 

 

Silent Hill – 5

Un gioco che affronta il giudizio e la condanna. La redenzione è possibile ma non scontata.
Un gioco che affronta il giudizio e la condanna. La redenzione è possibile ma non scontata.

 

Come riportato all’inizio, non è umanamente possibile descrivere TUTTO ciò che abita a Silent Hill, nel senso che non basterebbe un blog dedicato, purtroppo il tempo è quello che è. Già scrivere diversi articoli e rendere deduttivi temi ermetici, credetemi, non è impresa facile. Tantissimi elementi di dibattito sorgono con l’incedere dell’avventura: massoneria, dismorfismo, una carrellata di aberrazioni a carico di chi sia così pazzo da scoprirle.

Ho evidenziato esclusivamente i tratti religiosi, preziosità del gioco, che non sfigurerebbero accanto ad un’opera, laica o cristiana. E’ ora di avviarci alla conclusione.

Mi ricordo ieri, come fosse oggi, le parole di un don che spiegava che trasmettere ai giovani la figura di Gesù, era impresa ardua. Quando tutto intorno la vita addestrava ad altro, anzi, era emanazione dell’anti-cristianesimo, diffondere la parola di Dio sembrava una pazzia, un atto sovversivo.
“Gli descrivi Gesù come un padre amorevole” rivelava il don, riferendosi ai molti colloqui con i ragazzi “e ti guardano stralunati. Non hanno colpe. Tanti di loro vengono da famiglie sfasciate, dove il padre è assente, o se ne è andato per costruirsi altre famiglie. A queste condizioni, come vuoi che accettino la pretesa Cristiana?”

Se ricordo ancora questa domanda, qualcosa mi ha provocato. E’ emerso un dubbio: se i ragazzi hanno così difficoltà a metabolizzare Cristo, quanto poco crederanno all’esistenza dell’inferno?
SH sopperisce alla mancanza, offre al visitatore un immaginario concreto rispetto alle classiche icone fiamme-forconi-tormenti.
Perciò il mio augurio è che la Chiesa guardi a SH non come il solito gioco horror, ma lo spunto per descrivere al meglio l’autocondanna di cui l’uomo è responsabile.

So bene che oggi è anacronistico parlare di giudizio divino, proiettati come siamo dentro una fede il cui viacondotto per il Paradiso si riduce a due regole: l’accettare (anzi no, favorire) l’islamizzazione e assecondare (anzi no, favorire) l’immigrazione selvaggia.
La tradizione magica del Cristianesimo è stata rinchiusa, messa in cantina, come qualcosa di malandato. Amorth, Bamonte, Fanzaga, Ratzinger, Onorio III (ultimo papa esoterista), questi i primi nomi che mi vengono in mente, sono gli irriducibili, che descrivono la contesa tra “un Principe e il Re”. Grazie a loro il Cristianesimo è così affascinante.
Esempi scomodi per una fede “superbamente” buona, che preferisce dar lustro a barconi, sbarchi, e all’onnipresente Islam.

Ma se tu rimani indifferente al destino dei nostri carnefici, coloro che dei Cristiani fanno mattanza, allora sei come me, preferisci il rischio. Non vuoi stare tranquillo. Scegli piuttosto, di calcare la scena all’interno di una città, che è una sfida ai buoni sentimenti. Le azioni politicamente corrette ti annoiano, una noia mortale. Invece che le lacrime sull’isola di Lesbo preferisci una meta originale.
Anche per te un biglietto (andata e ritorno) per i misteri di Silent Hill.

 

conformismo vs mistero, tu cosa scegli?
conformismo vs mistero, tu cosa scegli?

Silent Hill – 1

Magia, espiazione, occultismo, religiosità, tanti sono i passi per l'ingresso dentro la città
Magia, espiazione, giudizio, religiosità, tanti sono i passi per l’ingresso dentro la città

 

Questo o altri articoli che scriverò su Silent Hill, non hanno la pretesa di definire il meccanismo dietro la storia, né di rinchiudere l’immaginazione estrema, che arde dentro la “città silente” (che oggi vive di vita propria).

Anche dare al lettore dei riferimenti è arduo: sono usciti e in uscita numerosi sequel, film, fumetti, digressioni sul brand S.H. Non è solo marketing, il gioco della Konami ha contaminato l’immaginario con una prepotenza tale, che ora è parte delle icone fantastiche (e spirituali), dal 900 al nuovo millennio.

Nota bene: mi riferisco al videogame Silent Hill 1 e 2 in parte al 3, sui film e gli altri episodi occorrerebbe un ulteriore digressione, quindi è bene circoscrivere il campo.

Perché l’esperienza di questo gioco è unica? In cosa differisce dalle varie ambientazioni di zombi, licantropi e case infestate?
SH è uno stile di vita.
E incredibilmente, in maniera inconscia, lo abbiamo attraversato tutti.
Ego(t)ismo, bramosia di sè, desideri mutati in allucinazioni, gli stessi divorati dalle illusioni, la continua-morbosa fragilità del confine tra bene e male, il coraggio di affrontare il giudizio, la ricerca forsennata dell’io (protagonista e colpevole), tutto è emanazione dei recessi dell’anima, di colui che la percorre.
E’ il compiacimento del proprio inconscio, che occupa creature misteriose, denti e artigli, nessuna buona intenzione.
Le dinamiche sono quelle del “survival horror”, l’atmosfera richiama un’esoterismo cristiano-antico, superbamente “made in japan”.
L’happy ending non è assicurato, che rende -come nella vita- tutto molto eccitante.

Superata la collina, la città: in gioco è la vita di un uomo, non solo: si vince (o si perde) il purgatorio, l’inferno, un istante di paradiso. Silent Hill assomiglia ad un freddo inverno, insieme alla nebbia, l’io congelato è perso; il suono di una sirena avverte che bisogna correre, nascondersi. In strada presenze magiche e pericolose.
Unico e sublime. (continua)