Dai non addetti ai lavori il librogame (detto anche LG) è considerato il cugino piccolo del Role game (tipo D&D).
In realtà non è così. I librogame rappresentano mondi che, anche appartenendo al classico gioco di ruolo, sono unici nel genere.
Questi mondi si muovono sotto l’egida della “gamification”.

Spiego meglio: nel Role gaming la mission è incentrata sull’esplorazione (dungeons), l’uccisione dei nemici (dragons) e l’elevazione di classe (level e skill). Sarebbe riduttivo citarne solo alcuni: esistono migliaia di giochi e milioni di sistemi di interazione, diciamo che il bravo “master” è colui che offre location coinvolgenti, battle decisive per la sorte deila compagnia. Un lavoro di per sé titanico.
Lo scrittore di librogame condurrà invece un gioco nel gioco: gamification
Deciderà che tu (il personaggio che impersoni) possa entrare in una sala giochi. E scommettere. Il tuo alter ego gioca per te, tu con lui. E’ diverso da una partita di videogiochi, il cui scopo è vincere la sfida.
Nel LG quando si scommette si esalta (rinsalda) la partecipazione con il gioco stesso.

Nella realtà, dove il termine è stato coniato, la gamification ha uguale significato.
Pensa che la raccolta punti del supermercato, i premi in sorte dal benzinaio, le “lattine fortunate” della coca cola, sono espedienti: un gioco per invitarti a partecipare.
La regola vuole che tutto ciò che si fa tramite il gioco (divertendosi) assuma valore.
Ora sai che il LG è protagonista da sempre dell’incredibile rivoluzione.
(fine prima parte)

Pesca con la gru (serie Sortilegio)
Dal genio di Steve Jackson una pesca misteriosa. Al posto della gru una fata afferra i premi nella teca.

Gamification (1)

Potrebbe anche interessarti