Il maccartismo come fucina di idee nuove
Il maccartismo come fucina di idee nuove

 

Il maccartismo fa bene.

Il maccartismo era un periodo dove si giocava a fare le spie, a Hollywood.
Si perseguitava il comunismo, in realtà si scovavano idee, si scoprivano storie, si tramutava il sospetto in sceneggiatura palpitante. Oggi rimane il nulla, politically correct (che va a rotoli, a rotoli, a rotoli).
Mi trovo a guardare film strepitosi, anni 40, 50, se torno alle marmellate 2016  (giù di lì) debbo spegnere voglia e tv.
Non perché quel che è antico ha sempre valore, ma oggettivamente le trame erano talismani di piacere, ingegno di un sentire che ora ai più non trasmette nulla.
Servirebbe nuovamente la caccia al rosso, per accendere la mente con strutture originali. Di destra e di sinistra.
Che noia il predigerito, filmografia di un presente per ogni palato, buonissimo per carità, ma ha sapore di burgher king, è junk: inutile nasconderlo.
Voglia di maccartismo, è un peana che ho coniato, da artista e spettatore: brama di vita e di plot veri.

Anti-Decadenza.

Guardo, ho guardato, thriller e romantici, dell’epoca; il ricordo va sempre al primo amore: “film di paura”, come si diceva un tempo.
La diatriba è aperta: perchè i film di oggi non fanno paura?
Se leggo dentro i forum lo pensano in tanti, troppi. Ecco che sviluppo la diagnosi: fragilità di sceneggiatura, tensione debole, scream scontato sul cattivo, a sua volta scontatissimo, solita declinazione del malvagio.
Entra in scena il mostro, il demonio, l’assassino e…. wow (dovrebbe esserci) un colpo di scena. Ma dove?! Cioè, lo spavento dov’è?
Dalla mia fantasia (presto o tardi) uscirà un thriller come si deve, stile maccartismo, che mette paura solo a firmarlo. Non come i rossi, ci metto sempre la firma, io.
L’inspirazione sa contaminarsi con il mondo, quando la realizzazione è lontana dal conformismo, l’Occidente però non aiuta perché malato di bulimia.
Dunque l’esperienza dell’insolito deve essere precisa, chirurgica, solo così si finisce per esserne provocati, senza esserne sopraffatti.
Può accadere con un film antico. Una storia bella diventa l’antidoto alla rovina, la medicina per l’anti-decadenza.
I progetti amorosi di storie fantastiche, la politica sempre intensa per quanto stramba, sono gredienti affascinanti, che stringono il reale ad un senso (tutto ha un senso, nulla è più slegato).
Lo stupore di un soggetto, una trama che fa vibrare,  è la maniera per tenere tutto insieme. Altro che pietra filosofale.

Se siete qui, il Mistero sorprende anche a voi. Come rispondereste?
Io con l’immaginazione, il resto vien da sé.

idee, amore, thriller
Pubblicato in: Blog

Potrebbe anche interessarti