::cck::202::/cck::
::introtext::

Se cè una cosa sicuramente galvanizzante nel “pantheon” di idee e ispirazioni che producono i libri di Giussani, è il far riferimento a Dio come a “Il Mistero”.

Si parla anche di bellezza, ma oggi più che mai è un concetto non assoluto (piace a me, ma non piace a te, e viceversa), si parla di domanda, e qui già ci avventuriamo nel campo affascinante del Mistero.

Poi naturalmente ci sono la comunità, l’amicizia eccetera eccetera.

Ma veramente la cosa che colpisce, e mi fa credere che don Giussani sia arrivato almeno una spanna sopra a tutti, è questo identificare Dio come il Mistero. 

Come sottolineato da un amico, il Mistero non significa l’arcano, cioè incomprensibile e/o occultato, ma sta a rappresentare l’inspiegabile (non nella sostanza, poiché se si crede non c’è bisogno di questa prova), l’inspiegabile per i modi in cui si manifesta e agisce.

Il Cristianesimo è continua scoperta, ma niente e nessuno, prima di Giussani è riuscito a identificare così bene Dio. 

::/introtext::
::fulltext::::/fulltext:: ::cck::202::/cck::

il Mistero

Potrebbe anche interessarti